La diavolata •tradizioni adranite 

Ogni anno, la mattina del giorno di Pasqua, si rinnova questa tradizione settecentesca che si tramanda da padre in figlio. Prima della rappresentazione vengono portati in giro per la città i tre protagonisti del dramma: il Salvatore, con un mantello rosso, la Madonna, vestita di rosa, e l’Angelo, abbigliato con un abito ricoperto di nastri di seta e coccarde multicolori. La Diavolata, manifestazioni di carattere religioso, chiamata in gergo “I Diavulazzi di Pasqua”dove i personaggi principali sono i diavoli (Lucifero, capo dei ribelli, Belzebù Signore delle Mosche, Astarot, con le sue 40 legioni), la Morte, eterna nemica dell’uomo, l’Umanità, simbolo della speranza, e l’Arcangelo Michele, avversario del demonio. La Diavolata simboleggia, in forma allegorica, l’eterna lotta tra il bene e il male e in fine si ha la vittoria del bene. Successivamente si ha “L’angelicata” e la ” pace” dove si ha l’incontro tra Maria e Gesù.

Annunci

5 Replies to “La diavolata •tradizioni adranite ”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...